l'Alfetta di uno di noi...

GT, Sprint Veloce, Berlina, GTV6
Rispondi
Avatar utente
Portello
Messaggi: 149
Iscritto il: lunedì 14 ottobre 2019, 21:27

l'Alfetta di uno di noi...

#1

Messaggio da Portello »

A qualcuno bisognerà chiedere l'autografo :-)
[media]https://www.youtube.com/watch?v=g1BFIAbQi5g[/media]
______
Portello
rocav
Messaggi: 104
Iscritto il: domenica 13 ottobre 2019, 21:19

Re: l'Alfetta di uno di noi...

#2

Messaggio da rocav »

L' autografo lo dovremmo chiedere a chi ha progettato l' Alfetta, ma non c'è più.
Avatar utente
Cecchi71
Messaggi: 262
Iscritto il: giovedì 17 ottobre 2019, 21:25

Re: l'Alfetta di uno di noi...

#3

Messaggio da Cecchi71 »

Io ce l'ho :-)
Sul giornale con in copertina il GTV 6 rosso.
Mi feci fare l'autografo da Roberto a Bobbio.
Già sapevo che sarebbe diventato famoso B-)
Avatar utente
Filarete
Messaggi: 1112
Iscritto il: giovedì 10 ottobre 2019, 12:18

Re: l'Alfetta di uno di noi...

#4

Messaggio da Filarete »

rocav ha scritto: domenica 2 gennaio 2022, 18:17 L' autografo lo dovremmo chiedere a chi ha progettato l' Alfetta, ma non c'è più.
Concordo! Anche perchè ne ha progettate tante altre e tutte all'avanguardia rispetto alla concorrenza...
"All' Alfa sanno fare i guanti alle mosche". E. Ferrari
Avatar utente
Adriano
Messaggi: 446
Iscritto il: mercoledì 9 ottobre 2019, 13:29

Re: l'Alfetta di uno di noi...

#5

Messaggio da Adriano »

Eh il Maestro non si smentisce mai. Ma lo sai che non mi ricordo più come sei approdato alla congrega alfanautica? Chi fu lo sponsor? Tolti gli Alfanauti del primo raduno, è difficile ricordare la genesi degli apporti successivi. Sempre passaparola ma difficile ricordare ogni singolo caso.
“Certe volte mi chiedo che cosa stiamo aspettando” Silenzio “Che sia troppo tardi, Madame”
rocav
Messaggi: 104
Iscritto il: domenica 13 ottobre 2019, 21:19

Re: l'Alfetta di uno di noi...

#6

Messaggio da rocav »

Maestro mi sembra una parola grossa, al massimo bidello.
Adriano non ricordi che ci avevano redarguito quelli di Alfasport perché prendevamo delle iniziative senza il loro imprimatur, ed allora ci eravamo rifugiati, tu Fabio ed io in VM.
Avatar utente
Adriano
Messaggi: 446
Iscritto il: mercoledì 9 ottobre 2019, 13:29

Re: l'Alfetta di uno di noi...

#7

Messaggio da Adriano »

Ma certo che me lo ricordo: è stato l’inizio dell’epopea Alfanautica. Ma al protoraduno orvietano del 2008 c’erano Fred, Luca, Fabio, C@brio, Andrea e altri del nord ma tu non partecipasti.

Quindi immaginavo che fossi sopraggiunto successivamente al primo non raduno. Difficile ricordare chi c’era su quel forum prima della famosa cacciata. Sono pure passati 13 anni e rotti.
“Certe volte mi chiedo che cosa stiamo aspettando” Silenzio “Che sia troppo tardi, Madame”
rocav
Messaggi: 104
Iscritto il: domenica 13 ottobre 2019, 21:19

Re: l'Alfetta di uno di noi...

#8

Messaggio da rocav »

Sono andato a controllare e, se non sbaglio, noi due ci siamo incontrati la prima volta a Bassano del Grappa.
Non ho partecipato ai primi eventi al centro Italia.
Avatar utente
Adriano
Messaggi: 446
Iscritto il: mercoledì 9 ottobre 2019, 13:29

Re: l'Alfetta di uno di noi...

#9

Messaggio da Adriano »

Ecco vedi, Bassano è abbastanza successivo al grande esodo alfanautico (2011). È stato il mio ultimo viaggio lungo con Celestino, ché 1000 km sono proprio tanti.

A parte che avevo avuto problemi ad una gomma, riuscendo a non rimanere per strada per il rotto della cuffia, all’andata avevo avuto la pessima idea di fare la strada normale che fra crolli, deviazioni e inondazioni varie, fu veramente difficile. Lo stato della strada veramente scandaloso.

Per curiosità sono andato a vedere che è successo in questi anni a quella terribile E45 e ho visto che l’hanno finalmente riqualificata, con un intervento miliardario:
(https://www.stradeanas.it/it/itinerario-e45-e55).

Il ritorno invece fu bellissimo ed è stata l’ultima volta che ho fatto la Firenze - Bologna col vecchio tracciato. Era una giornata stupenda, cielo sereno e il viaggio è stato perfetto. Tra l’altro la foto che ho scelto come avatar, a fianco del nome, è stata fatta proprio durante il ritorno da Bassano, al Cantagallo.

Ecco una foto del ritorno
2EE217C1-D678-4755-AF9F-3B0BB55CC92A.jpeg
“Certe volte mi chiedo che cosa stiamo aspettando” Silenzio “Che sia troppo tardi, Madame”
Rispondi