La 2000 in villa

Le nostre fotografie
Rispondi
rocav
Messaggi: 120
Iscritto il: domenica 13 ottobre 2019, 21:19

La 2000 in villa

#1

Messaggio da rocav »

Dall' ultimo numero di maggio/ giugno di Profumo di Alfa.
Allegati
000-000 Cavanna_2000 12 pag.pdf
(1.52 MiB) Scaricato 373 volte
Avatar utente
Filarete
Messaggi: 1265
Iscritto il: giovedì 10 ottobre 2019, 12:18

Re: La 2000 in villa

#2

Messaggio da Filarete »

Un bel articolo di una stupenda macchina con cui ho percorso 130000 km...
"All' Alfa sanno fare i guanti alle mosche". E. Ferrari
Avatar utente
Adriano
Messaggi: 605
Iscritto il: mercoledì 9 ottobre 2019, 13:29

Re: La 2000 in villa

#3

Messaggio da Adriano »

“Per la parte meccanica i tecnici allungarono il passo della Giulia di 6 centimetri mentre per il propulsore si usò quello progettato da Giuseppe Busso, il collaudato bialbero a quattro cilindri in lega leggera, aumentando la cilindrata a 1778 centimetri cubi ottenendo 112 CV (SAE) e 180 km/h di velocità massima, infine, affidarono il compito alla carrozzeria Bertone di studiare una nuova linea per l’esterno. Il risultato? Una quattro porte non innovativa come Giulia, ma con un aspetto da ammiraglia sportiva che segnerà un’epoca: correva il 1968 e la chiamarono Alfa Romeo 1750 Berlina…”

La 1750 casomai aveva 112 (se non 115) cavalli DIN, i cavalli SAE erano mi pare 132.
“Certe volte mi chiedo che cosa stiamo aspettando” Silenzio “Che sia troppo tardi, Madame”
scrambler
Messaggi: 286
Iscritto il: giovedì 10 ottobre 2019, 13:59

Re: La 2000 in villa

#4

Messaggio da scrambler »

Grazie Roberto, belle foto di bella macchina, ma io ora sono di parte :-)
Bus de cul aiutas......
Avatar utente
JohnnyBravo
Messaggi: 869
Iscritto il: mercoledì 9 ottobre 2019, 22:50

Re: La 2000 in villa

#5

Messaggio da JohnnyBravo »

Sempre bella la 1750, come del resto la 2000.
Meno personale della Giulia ma a lungo andare la linea la trovo più bella e pulita.
La 2000 l'aveva mio zio, color indaco. Una macchina da sciuri.
La vita è un viaggio, e allora perché non farlo in prima classe?
Rispondi